Cielo notturno - Centro SI.AMO Prato

Cosa è la Carta del Cielo di Nascita?

A cura di Stefano Cetani

Se fosse per me, includerei nuovamente lo studio dell’Astrologia e del Tema Natale o Carta del Cielo presso le Scuole Superiori e le Università, come avvenne già in passato in Europa!

Sarebbe auspicabile che ognuno potesse, almeno in forma “basilare”, avere accesso al linguaggio astrologico per scoprire quanto è grande e meravigliosa l’opera di madre natura, delle forze viventi rappresentate celestialmente dai Pianeti, le Stelle e i Sistemi Solari nella vita individuale, di gruppo e dell’uomo stesso.

Carta del cieloSpesso mi trovo in difficoltà a dire brevemente cosa sia l’Astrologia, perché dire Astrologia implica confondersi con tutti quelli che fanno Astrologia, e non che io voglia, però ci sono delle differenze sostanziali.

Oggi l’astrologia è conosciuta comunemente nel suo approccio popolare, quella di Paolo Fox tanto per intenderci, popolare perché NON SI PUO’ FARE ASTROLOGIA CON SOLO IL SEGNO ZODIACALE, è impossibile, il segno zodiacale dice solo il 5% di ciò che siamo; ma allo stesso tempo l’Astrologia popolare ha avuto la funzione di mantenere vivo l’interesse astrologico fino ad oggi.

La base dell’esistenza sta nella relazione, ovvero è nel relazionarmi con l’altro che mi conosco, chiunque esso sia, se osserviamo e studiamo il regno minerale, il regno vegetale ed il regno animale ci accorgiamo che sono governati dalle stesse leggi, gli stessi principi che vi sono nell’essere umano, basta solo conoscere il linguaggio analogico, la vera Astrologia è un linguaggio analogico, che relaziona le 7 funzioni planetare e i dodici potenziali zodiacali con i 4 regni di natura, minerale, vegetale, animale ed umano.

Essa ci porta pedagogicamente verso la propria autorità interna, verso la propria essenza, qui vi è il bisogno di diventare oggettivi, è una SCIENZA METAFISICA sicuramente, ma anche ASTRONOMICA anche CHIMICA, MEDICA, MATEMATICA, GEOMETRICA.

Essa è prima di tutto la scienza di ciò che vedo, di visibile, c’è un principio di visibilità, di osservazione delle forze celesti che si manifestano nei momenti naturali terrestri, nel regno minerale, vegetale, animale ed umano.

La lettura del Tema Natale è qualcosa di intimo, profondo, intenso e assolutamente unico.

E’ un modo per entrare davvero in profondità di ciò che siamo nel presente e che possiamo essere in questa vita.

Carta del cielo

E’ UNA VIA NOBILE ED ALCHEMICA di conoscersi ed assaporarsi in termini essenziali.

Il Tema Natale di una persona è la mappa del proprio mondo interiore, psicologico, organico, vi sono aspetti di noi, talenti addirittura che neanche sappiamo di avere, semplicemente perchè si attivano in determinate circostanze che magari la persona non ha mai vissuto, sperimentato, e non facendolo non scoprirà mai di avere, o magari lo sà, ma non riesce a vedere quale sia il giusto contesto che permetta di esprimerlo corettamente.

Da un certo punto di vista non vi è niente di nuovo che una persona già non sappia, ma si scopre quando, dove, e in che circostanze emerge una forza o una debolezza, un’ispirazione o un grigiore, da qui si può strutturare una stratgia sulla propria attività fisica, su come avere il massimo da noi stessi nel proprio lavoro, nella relazione, cosa è urgente che io tenda ad armonizzare in me per far si che tutto ciò che di spiacevole mi sia accaduto, non si ripeta.

Esso è la rappresentazione dI relazione riflettente tra MICROCOSMO e MACROCOSMO Individuale, è un ponte fra la prospettiva terrestre e quella celeste dove i veicoli espressori sono le FORZE PLANETARIE.

Quello che i pianeti ed i SEGNI ZODIACALI ci dicono altro non è che un riflesso di tutto quello che si muove dentro di noi, nelle relazioni, nel lavoro, nel processo di autorealizzazione ecc.

Come fuori così dentro, come nel grande così nel piccolo, come in alto così in basso” (Ermete Trismegisto)
Torre dell'orologio a Venezia
Torre dell’orologio a Venezia (particolare)

Nel proprio Tema Natale si possono CONOSCERE CON CHIAREZZA ED ESTREMA PRECISIONE I PROPRI ASPETTI DISARMONICI, le nostre corde da riaccordare, e quando ci si cimenta nel riaccordare una parte di noi, nel tentativo di RIACCORDARMI tento di RICORDARMI chi sono, dalla matrice divina da cui provengo e alla quale debbo far ritorno arricchito della consapevolezza di ciò che sono, sbloccando il peculiare potenziale nascosto che si cela dietro la propria disarmonia individuale.

Scoprirò comunque me stesso anche senza l’astrologia, la differenza è come se da Firenze dovessi andare a Roma senza avere una cartina o un navigatore, prima o poi ci arriverò ma chissà quante strade dovrò percorrere prima di trovare quella giusta che mi porti a Roma, se avessi avuto la cartina, nel caso della persona la Carta del Cielo di Nascita sarebbe stato tutto molto più semplice.

Un abbraccio,

Stefano Cetani


Cosa è la Carta del Cielo di Nascita?
Centro SI.AMO – Yoga e Stanza del Sale – Attività multidisciplinare olistica a Prato